Idolatria dello spirito

Il-pane-di-ogni-giornoProblema dei «falsi beni» — Non esistono, secondo quanto insegna un cristianesimo superficiale, beni veri che appartengono al cielo e beni falsi che appartengono alla terra: ma soltanto beni veri situati, ognuno, al loro posto e nei propri limiti, nella gerarchia dell’essere. Esiste però un uso falso di questi beni veri. Tale uso falso dei doni veri di Dio, determinato dall’egoismo, dall’impazienza o dall’orgoglio non si limita ai beni temporali: colpisce quasi altrettanto i beni eterni. Incontriamo forse molto meno devoti sofisticati che amanti egoisti? E qual è il più futile e il più bugiardo degli uomini, colui che prostituisce la carne nei baci o colui che prostituisce Dio nelle preghiere? Dove trovare censori delle gioie terrestri a cui si possa dire: prima di rimproverarci il cattivo uso di ciò che è transitorio, mostrateci, con il vostro esempio, il vero uso di ciò che è stabile. Voi condannate la nostra idolatria della vita. Ma quale idolo ancor più vuoto e falso voi adorate sotto il nome di spirito.

(Gustave Thibon, Il pane di ogni giorno, Morcelliana, Brescia 1949, p. 153-154)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Meditazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...