Unum est necessarium

hand-gottesNecessità organica della bontà. Il mondo, senza tregua, nutre la mia esistenza. L’aria non disdegna i miei polmoni, le stagioni mi accolgono come un ospite, il caso si batte per me. Un miracolo di protezione, di maternità, di clemenza circonfonde ogni mio passo. Una mano che ignora il gesto del rifiuto mi elargisce senza posa l’anima e i giorni che dilapido. Come! Questo attimo non ê dunque l’ultimo? Il candore eterno mi sopporta ancora! Pure, la negazione, la guerra, l’odio mi abitano. Si può respirare in pace un soffio dell’aria innocente di Dio, portando in sé il rifiuto?

(Gustave Thibon, Il pane di ogni giorno, Morcelliana, Brescia 1949, p. 26)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Meditazioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...