L’età della rivolta

jacob1Il nostro tempo è l’età della rivolta. Il malato maledice il dolore, il proletario la società, il mondo punito bestemmia o sopprime Iddio. Che ha fatto l’uomo della sana, della nobile rassegnazione, del bacio sincero al destino che spezza? La tua sofferenza è qui per fare di te un testimone, un martire, e tu non vuoi essere che una vittima! La tua rivolta cerca per colpa di chi tu soffri: che la tua pietà cerchi piuttosto in nome di chi soffrire! La sofferenza dell’eroe testimonia, quella dell’essere vile accusa…

Il mondo (nel senso evangelico della parola) vorrebbe peccare senza soffrire. È questo il vecchio sogno della rivolta umana, che concretizza oggi il bisogno individuale di «vivere la propria vita» o il mito sociale della «città futura». Il Cristianesimo ci invita a soffrire senza peccare, ed è la follia della Croce.

(Gustave Thibon, La scala di Giacobbe, AVE, Roma 1947, pp. 63-64)

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Aforismi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...